Salle X

Salle X

Unesco - Parigi

Unesco
Parigi

– Audio Video Systems

– Integration

– CDN

– Government

– Lighting

All’inizio del 2015 l’UNESCO ha avviato una consultazione per il rinnovo della sala del consiglio esecutivo di Parigi, realizzata nel 1958. MosaicoGroup e il Contract Design Network sono stati scelti per il completo rinnovo degli ambienti.

Questa stanza in cui i delegati siedono attorno a un tavolo ovale, simbolo dell’uguaglianza di tutti i membri, e sotto un soffitto che simboleggia la convergenza delle idee, è stata oggetto di un restyling totale. Cura di tutto il Network è stata quella di preservare e accentuare i segni distintivi del progetto originale.

La sala, che misura circa 400 metri quadrati con una capacità di 289 persone sedute, è stata attrezzata dal Contract Design Network con 183 sedute Tempo con tablet e dispositivi multimediali e 106 sedute Trendy First Class disposte intorno a un tavolo ovale progettato su misura. Trae vantaggio dal know-how delle società CDN in Italia il cablaggio, le pavimentazioni tecniche, l’audio-video: tutti aspetti che hanno permesso una realizzazione in tempi record e un’inaugurazione alla presenza di tutti gli ambasciatori nel 4° trimestre 2015.

Salle X - Unesco Paris

Pavimento e canalizzazioni

Durante i lavori di installazione del pavimento sopraelevato, il team MosaicoGroup ha proceduto all’installazione di tubazioni per il cablaggio delle correnti forti, dell sistema per conferenze e dei segnali audiovisivi.

Attraverso canali metallici si sono separati gli spazi per i cavi delle correnti
forti da quelli della corrente debole, così da evitare interferenze sui segnali trasmessi.

Le canalizzazioni corrono intorno alla sala formando un quadrato di quasi 20 metri convogliato al centro per arrivare a tutti i tavoli dei delegati. Numerosi tratteggi di accesso consentono l’accesso al cablaggio per manutenzione e integrazioni future.

Per collegare tutti i nuovi dispositivi, le tubazioni e i cablaggi dall’area tecnica
e dalla stanza degli armadi tecnici continuano fino alla regia e alle cabine di traduzioni.

Salle X - Unesco Paris
Salle X - Unesco Paris
Unesco Paris - Salle X
Salle X - Unesco Paris

Un progetto su misura

Dovendo rimanere visivamente fedeli al progetto del 1958, prima dello smontaggio i vecchi tavoli sono diventati oggetto di studio per realizzare una nuova soluzione. Il concetto di riqualificazione era infatti quello di rinnovare la stanza senza cambiare troppo.

Per fornire ai delegati un’area di lavoro pulita tutti i nuovi dispositivi conference sono stati così pensati e progettati immersi nella struttura stessa dei tavoli. Punto fondamentale era quello garantire uno spazio di lavoro necessario ai delegati, anche con piccoli spazi sotto la superficie del tavolo.

Unesco Paris - Salle X
Unesco Paris Salle X

Ogni tecnologia è stata così immersa nei nuovi tavoli progettati su misura, garantendo lo spazio di lavoro necessario ai delegati anche sotto la superficie del tavolo.

I tavoli dovevano tener conto di due utenti diversi: i delegati per la prima e la seconda fila e il personale amministrativo per il terzo. Sui tavoli per i delegati doveva essere incorporato un sistema Touchscreen da 7 pollici mentre per il personale amministrativo il sistema di conference doveva essere molto più piccolo.

Unesco Salle X Paris
Unesco Salle X Paris

I tavoli per il personale amministrativo, più piccoli, hanno visto incorporato invece un selettore per l’ascolto di una lingua in traduzione e un micro modulo per partecipare alla discussione.

Su tutti i tavoli c’era uno spazio tecnico tra la vela inferiore e il pannello interno da mantenere il cablaggio che esce dal falso pavimento.
Ogni due persone sono state progettate due prese di corrente disponibili per l’alimentazione.

Unesco Salle X Paris

IMPIANTO AUDIO

Durante i lavori, l’UNESCO ha chiesto al nostro Gruppo di studiare una soluzione solida per
migliorare l’ascolto nella stanza. I tecnici hanno quindi verificato che la stanza, che ha diversi componenti in legno, era già progettata con importanti criteri acustici che hanno permesso una buona acustica. L’unica opzione per migliorare la trasmissione era cambiare gli altoparlanti.
Diverse proposte e simulazioni sono state sviluppate e presentate anche per analisi tecniche per gli effetti sul volume della stanza.
Le possibilità prese in considerazione includevano l’installazione a soffitto, l’installazione al centro della stanza e l’installazione sui muri sul lato degli ingressi e sul lato delle uscite.

Gli studi di simulazione acustica hanno indicato che la migliore soluzione per garantire la copertura di un suono uniforme negli spazi occupati dall’utente si doveva installare una soluzione di trasmissione su
soffitto.

La soluzione di trasmissione tuttavia richiedeva dieci o dodici diffusori, a seconda del marchio, e gli altoparlanti dovevano essere posizionati attorno al centro del soffitto di cemento, vicino alla fila di lampade centrale. I progettisti hanno verificato che era possibile posizionare gli altoparlanti e collegarli grazie ai passaggi dell’illuminazione, ma il Cliente ha valutato che l’intervento avrebbe snaturato lo stile della sala.
MosaicoGroup ha quindi cercato una soluzione diversa.

Al fine di contenere le modifiche, il nostro Gruppo ha quindi valutato il sistema audio con
Altoparlanti array da posizionare sulla parete degli ingressi.
I diffusori che la Sala aveva usato in passato erano effettivamente attaccati alla stessa parete.
La migliore simulazione confermata dall’UNESCO è stata con gli array NEXO con finitura colore del legno.

Unesco Salle X